QUESITO
Seveso III: oli usati e assoggettabilità al D.lgs. 105/2015
fonte: 
Ministero dell'Ambiente
area: 
Tutela ambientale
Seveso III: oli usati e assoggettabilità al D.lgs. 105/2015 Sul sito del Ministero dell'Ambiente sono stati pubblicati cinque nuovi quesiti in materia di Seveso III da parte del Coordinamento per l'uniforme applicazione sul territorio nazionale del D.Lgs. 105/2015 (Seveso III). Uno di questi, il n.12 (emanati nella riunione del 16 dicembre 2016) riguarda gli oli usati e riguarda da vicino l'ambiente.

Il quesito n.12/2016
Quali sono i criteri da adottare ai fini dell'assoggettabilità al D.lgs. 105/2015 degli oli usati?
Il gestore di uno stabilimento di rigenerazione di oli usati (rigenerabili e non rigenerabili) ha classificato tale rifiuto, stoccato presso lo stabilimento, dotato di codice CER e di n. CAS 70514-12-4 (olio lubrificante) attribuendo ad esso la voce n.34 Prodotti petroliferi e combustibili alternativi dell'Allegato 1, parte 2.
La scheda di sicurezza non evidenzia nessuna delle categorie/voci di pericolo della parte 1 dell'Allegato 1. Infatti la SdS riporta la classificazione Carc.1B con frasi di rischio H350-Può provocare il cancro/H304-può essere letale in caso di ingestione e di penetrazione nelle vie respiratorie/H412 -Nocivo per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata
Trattandosi di un rifiuto, all'olio usato è stata dunque applicata la nota 5 dell'Allegato 1 del D.lgs. 105/2015, che recita: "5. Le sostanze pericolose che non sono comprese nel regolamento (CE) n. 1272/2008, compresi i rifiuti, ma che si trovano o possono trovarsi in uno stabilimento e che presentano o possono presentare, nelle condizioni esistenti in detto stabilimento, proprietà analoghe per quanto riguarda la possibilità di incidenti rilevanti, sono provvisoriamente assimilate alla categoria o alla sostanza pericolosa specificata più simile che ricade nell'ambito di applicazione del presente decreto.
Il Consorzio Obbligatorio Oli Usati da parte sua, in una nota inviata al MATTM, motiva tale posizione mettendo in evidenza, a partire dalla risposta N.39 fornita dal Seveso Expert Group presso la Commissione europea, diversi elementi (vedi il quesito)

Secondo il Ministero dell'Ambiente
Gli oli usati possono essere assoggettati al D.lgs.105/2015, con riferimento alla nota 5 dell'Allegato 1, assimilandoli ai prodotti petroliferi da a) a d) di cui alla voce n. 34, purché siano verificate le seguenti condizioni:
1. che siano allo stato liquido;
2. che non siano riferibili ad altre sostanze specificate nella parte 2 dell'Allegato 1;
3. che siano destinati, nel quadro e ai sensi delle norme e delle autorizzazioni di settore vigenti, all'utilizzo come combustibile sulla base di effettivi vincoli di carattere tecnico economico e organizzativo che ostino alla rigenerazione tesa alla produzione di oli base (rif. art.236 c.12 del TU 152/2006), documentati per i controlli da parte delle Autorità competenti;
4. che l'assimilazione degli oli usati ai prodotti petroliferi da a) a d) della voce 34 sia dimostrata sulla base delle schede di sicurezza, o di altra documentazione tecnica equivalente, da cui si evincano le specifiche caratteristiche di pericolosità in modo da giustificare il fatto che tali prodotti siano ascritti fra quelli petroliferi.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.minambiente.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: