Mese del software Progetto Sicurezza Lavoro
ANTICIPAZIONI
Passano al Senato i DDL di Delegazione europea e di Legge europea 2013
fonte: 
Redazione Insic
area: 
Tutela ambientale
Passano al Senato i DDL di Delegazione europea e di Legge europea 2013 Passa in Senato sia il disegno di Legge di delegazione europea 2013 che la Legge europea 2013, che contengono diverse norme per l'adeguamento del diritto nazionale a quello europeo, soprattutto in materia ambientale. Ecco le materie ambientali su cui si aspettano adeguamenti alla disciplina europeea

Il Dipartimento delle Politiche comunitarie annuncia che il Senato ha approvato nei giorni scorsi con 202 voti favorevoli, 15 contrari e 17 astenuti la Legge di delegazione europea 2013. Via libera dell'Aula anche alla Legge europea 2013, con 212 voti favorevoli, 13 contrari e 9 astensioni. Entrambi i provvedimenti passano ora all'esame della Camera. Le 'Leggi Europee' riprendono i contenuti dei due disegni di legge comunitaria non approvati durante la scorsa legislatura.

La legge di delegazione europea

In base alla nuova Legge di Delegazione europea di recentissima introduzione (da presentarsi entro il 28 febbraio di ogni anno)- e che ha sostituito la vecchia Legge comunitaria- vengono disposte deleghe legislative per il recepimento delle direttive e degli altri atti dell'UE (si tratta di disposizioni di delega contenute nei disegni di legge comunitaria per il 2011 e per il 2012).
Il testo del Disegno di legge approvato dal Senato prevede il recepimento di 40 direttive fra le quali molte riguardano la tutela ambientale: ci riferiamo, fra le altre al rcepiemnto della direttiva 2010/75/UE, relativa alle emissioni industriali;

La Legge europea

Per quanto riguarda invece, la Legge europea 2013, essa prevede norme di diretta attuazione degli obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia all'Unione Europea. Il testo del disegno di legge europea per il 2013 è composto da 34 articoli ed anche in esso sono sostanzialmente confluite le disposizioni diverse dalle deleghe, contenute, in parte, nei disegni di legge comunitaria 2011 e 2012.
Sono state, inoltre, inserite altre disposizioni per chiudere procedure d'infrazione, per le quali, solo recentemente, si è raggiunta una condivisione tra le amministrazioni interessate, in particolare si tratterebbe di chiudere 19 procedure d'infrazione e 10 Casi EU pilot. Inoltre si attuano tre Regolamenti (UE) che prevedono per gli Stati membri adempimenti in scadenza nei mesi di luglio e settembre 2013.
Fra questi provvedimenti spiccano alcuni importanti provvedimenti in materia ambientale contenuti in diversi articoli della Legge europea 2013, in materia di valutazione e gestione dei rischi da alluvioni, ma anche la gestione dei rifiuti e delle industrie estrattive (articolo 20), gestione di pile, accumulatori e relativi rifiuti (articolo 21), gestione delle acque (articolo 24), tutela risarcitoria contro i danni all'ambiente (articolo 25), riduzione dell'uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche, nonché smaltimento dei rifiuti (articolo 22), e assoggettabilità alla procedura di valutazione di impatto ambientale (articolo 23).

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.politicheeuropee.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: