INCENTIVI
Fonti rinnovabili e incentivi: il Bollettino GSE
fonte: 
Redazione InSic.it
area: 
Tutela ambientale
Fonti rinnovabili e incentivi: il Bollettino GSE Il GSE ha pubblicato i dati del proprio Bollettino sulle FER, fornendo un aggiornamento sui meccanismi di incentivazione degli impianti a fonti rinnovabili diversi dal fotovoltaico: vediamo come hanno funzionato le tariffe incentivanti previste dai DM 23/6/2016 e dal DM 6/7/2012.


È on-line il documento "Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2016", che fornisce un aggiornamento sui meccanismi di incentivazione degli impianti a fonti rinnovabili diversi dal fotovoltaico.
Il testo contiene informazioni sulle attività di qualifica e controllo degli impianti, sull'erogazione delle tariffe incentivanti ex Certificati Verdi, sull'emissione dei Certificati Verdi, sulla concessione delle Tariffe Onnicomprensive e delle tariffe incentivanti ai sensi del DM 23/6/2016 e del DM 6/7/2012.
L'incentivazione è riconosciuta all'energia prodotta netta e immessa in rete, che è pari al minor valore fra la produzione netta (produzione lorda diminuita dell'energia elettrica assorbita dai servizi ausiliari e delle perdite) e l'energia effettivamente immessa in rete.

Il D.M. 23 giugno 2016
Il 29 giugno 2016 è stato pubblicato il D.M. 23 giugno 2016 che ha aggiornato i meccanismi già introdotti dal D.M. 6 luglio 2012 per l'incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella fotovoltaica. Il nuovo Decreto si applica a tutti gli impianti entrati in esercizio a partire dal 1° gennaio 2013. Lo stesso Decreto ha incluso tra gli impianti ammissibili ai suddetti meccanismi i solari termodinamici, abrogando il D.M. 11 aprile 2008.

Il DM 6 luglio 2012
Il DM 6 luglio 2012 ha stabilito le modalità di incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti alimentati da fonti rinnovabili, diverse da quella solare fotovoltaica, entrati in esercizio dal 1°gennaio 2013. Tale sistema di incentivazione ha previsto dei contingenti annuali di potenza incentivabile divisi per tipologia di fonte e ripartiti secondo le nuove modalità di accesso introdotte.
Per accedere agli incentivi del DM 6/7/2012 sono state definite quattro modalità, in funzione della potenza dell'impianto e della categoria di intervento: accesso diretto, iscrizione ai registri, iscrizione a registri per gli interventi di rifacimento, partecipazione a procedure competitive d'asta al ribasso

Nel 2016, 2.456 impianti, per una potenza complessiva di circa 1.182 MW, hanno beneficiato degli incentivi previsti dal DM 6/7/2012. Nel Documento si riporta l'evoluzione della numerosità e della potenza degli impianti incentivati ai sensi del DM 6/7/2012 a partire dal 2013. Una frazione molto piccola è ascrivibile ai primi impianti incentivati ai sensi del D.M. 23 giugno 2016, i cui effetti economici assumeranno rilevanza a partire dal 2017.
Nel 2016 l'energia incentivata ai sensi del DM 6/7/2012 è risultata pari a 3.255 GWh, per un corrispettivo economico erogato dal GSE di circa 352,7 milioni di euro. Solo una frazione molto piccola dell'energia e dei corrispettivi 2016 è ascrivibile ai primi impianti incentivati ai sensi del D.M. 23 giugno 2016, i cui effetti economici assumeranno rilevanza a partire dal 2017.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.gse.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: