LA SENTENZA
Emissioni in atmosfera: la posizione di garanzia grava solo sul gestore dell'attività
fonte: 
Redazione Banca Dati Sicuromnia - http://sicuromnia.epc.it
area: 
Tutela ambientale
Emissioni in atmosfera: la posizione di garanzia grava solo sul gestore dell'attività La Corte di Cassazione, con sentenza n. 48456 del 9 dicembre 2015 afferma che il soggetto titolare, sia pure di fatto, di un'impresa potenzialmente pericolosa assume una posizione di garanzia nei confronti dell'interesse collettivo alla tutela dell'ambiente e deve perciò adottare tutte le misure che si rendano necessarie per evitare di mettere in pericolo il bene protetto.
Il commento è a cura dell'Avv. S.Casarrubia (cs-legal.it)
Il caso
Il giudice di merito aveva condannato l'imputato per il reato di cui all'art. 279, co. 2, del TUA (violazione delle prescrizioni stabilite nell'autorizzazione alle emissioni in atmosfera). L'imputato, tuttavia, rivestiva soltanto la qualità di procuratore speciale, per conto della ditta, per i rapporti della medesima con l'A.R.P.A. L'autorizzazione, infatti, non era stata chiesta dall'imputato; ciononostante, per il giudice di merito, doveva considerarsi responsabile aziendale nei confronti dell'A.R.P.A. per il rispetto della normativa di competenza. Il reato contestato è un reato proprio, perché riferibile al «gestore dell'attività» da cui provengono le emissioni, quale soggetto obbligato a richiedere l'autorizzazione.

Secondo la Corte
La Corte, pertanto, annulla la sentenza con rinvio per un nuovo esame, posto che, escluso che l'imputato fosse delegato di funzioni per la materia ambientale, per cui avrebbe potuto assumere altrimenti la posizione di garanzia, è necessario verificare se egli possa considerarsi un gestore di fatto della società.
Di contro, la mera posizione di procuratore speciale non è sufficiente per una pronuncia di responsabilità (per i precedenti in materia, si vadano: Cass. pen. n. 27260/12, Cass. pen. n. 1786/13 e n. 24334/14).

La sentenza è disponibile sulla nostra Banca dati Sicuromnia, di cui è possibile richiedere una settimana di accesso gratuito

Per ABBONARSI

CLICCA QUI per il modulo FAX da inviare allo 0633111043

Per maggiori informazioni  
consulta il sito sicuromnia.epc.it 
oppure scrivi a sicuromnia@epc.it  
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: