Mese del software Progetto Sicurezza Lavoro
DAL MINISTERO DEL LAVORO
Nuovi interpelli in materia di sicurezza sul lavoro
fonte: 
Redazione Insic
area: 
Salute e sicurezza sul lavoro
Nuovi interpelli in materia di sicurezza sul lavoro Il Ministero del Lavoro informa della pubblicazione sul proprio sito istituzionale (lavoro.gov.it) di nuovi interpelli in materia di sicurezza sul lavoro.

In data 24 ottobre risultano pubblicati i seguenti interpelli:

-Interpello 24 ottobre 2013 - n. 8/2013: destinatari: Consiglio Nazionale dell'Ordine dei consulenti del Lavoro: istanza: Art. 41, comma 2, visita medica preventiva
-Interpello 24 ottobre - n. 9/2013: destinatario: CNA Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e media impresa: istanza: Imprese familiari
- Interpello 24 ottobre 2013 - n. 10/2013: destinatario: CNI (Consiglio Nazionale degli Ingegneri). istanza: Formazione addetti emergenza
- Interpello 24 ottobre 2013 - n. 11/2013: destinatario: Federambiente. Istanza: Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011
- Interpello 24 ottobre 2013 - n. 12/2013: destinatario: UGL Polizia Penitenziaria. Istanze: Obbligatorietà del DVR, sicurezza pareti vetrate e spogliatoi ed armadi per il vestiario per le strutture penitenziarie
- Interpello 24 ottobre 2013 - n. 13/2013: destinatario: CNI - Consiglio Nazionale degli Ingegneri. istanza: Lavoro a domicilio
- Interpello 24 ottobre 2013 - n. 14/2013: destinatario: CNI - Consiglio Nazionale degli Ingegneri. Istanza: Limiti di utilizzo delle procedure standardizzate
- Interpello 24 ottobre 2013 - n. 15/2013: destinatario: ABI - Associazione Bancaria Italiana. Istanza: Applicazione Legge n. 3/2003 alle sigarette elettroniche.

Nelle prossime notizie passeremo all'analisi dei singoli interpelli

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.lavoro.gov.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: