DALLE REGIONI
Trentino Alto Adige: nuovo Decreto sulle Verifiche periodiche
fonte: 
Redazione Banca Dati Sicuromnia
area: 
Salute e sicurezza sul lavoro
Trentino Alto Adige: nuovo Decreto sulle Verifiche periodiche Abbiamo riportato della pubblicazione sulla sezione regionale della Gazzetta regionale del 12 settembre del Decreto della Regione Trentino Alto Adige del 5 giugno 2015 n.15 che riporta le modifiche del regolamento su macchine, impianti e apparecchi soggetti a verifiche periodiche di cui al Decreto del Presidente della Provincia 8 marzo 2012, n. 7.
Sulla medesima sezione regionale relativa al trentino Alto Adige, viene anche pubblicato il Decreto della Provincia (Autonoma di Trento e Bolzano) 5 giugno 2015 n. 16 che riporta alcune disposizioni su "Macchine, impianti e apparecchi soggetti a verifiche periodiche".


Il Decreto Provinciale 5/6/2015 abroga il precedente decreto del Presidente della Giunta provinciale 2 marzo 1999, n. 7,e disciplina la verifica periodica di ascensori, gru ed altri apparecchi di sollevamento a motore, di impianti elettrici, idroestrattori e scale aeree ad inclinazione variabile, di ponti sviluppabili su carro e di ponti sospesi muniti di argano, di impianti a pressione, di apparecchi di sollevamento collegati ad una macchina e destinati esclusivamente all'accesso ai posti di lavoro, compresi i punti di ispezione e di manutenzione, e delle altre attrezzature soggette a verifica ai sensi delle norme sulla sicurezza del lavoro, in applicazione degli articoli 1 e 3, comma 1, punto 10, del D.P.R. del 28 marzo 1975, n. 474.

Manutenzione attrezzature: regole generali
In base alle Regole comuni contenute nell'articolo 2, l'installazione, la messa in esercizio e la manutenzione delle attrezzature devono avvenire in conformità alle disposizioni della direttiva 95/16/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 giugno 1995, nonché secondo le indicazioni del costruttore.
La conformità ai requisiti essenziali di sicurezza ivi previsti è invece attestata dalla marcatura CE e dalla dichiarazione CE di conformità.
L'Art. 3 regola e disciplina la Dichiarazione di messa in esercizio dell'attrezzatura o dell'impianto, che va effettuata, per conto del datore di lavoro o dell'utilizzatore, dal produttore, venditore, installatore, noleggiatore o concedente in uso all'atto della materiale consegna dell'attrezzatura o dell'impianto stesso.
All'Art. 4 si regola invece la Procedura di verifica che deve rispettare le norme tecniche UNI CEI EN ISO/IEC 17020 e, ove siano necessarie prove di laboratorio, le norme UNI CEI EN ISO/IEC 17025. Indicate anche le regole da seguire per chi effettua la verifica (punto 2) e la documentazione da conservare per almeno 10 anni.
L'Art. 5 identifica poi i requisiti professionali dei Soggetti verificatori: i soggetti già riconosciuti dai competenti ministeri come soggetti abilitati non devono possedere ulteriori requisiti.
Requisiti specifici, invece, sono dettati per i verificatori che siano identificati all'art. 5 comma 1 b) c) e d).

Verifiche su Ascensori e altri impianti
All'Art. 7 si tratta nello specifico degli Ascensori e alla loro manutenzione: il proprietario o l'esercente deve sottoporre l'ascensore alla verifica di sicurezza ,mentre al manutentore spetta provvedere periodicamente, secondo le esigenze dell'impianto ad una serie di verifiche dettagliate nell'art. 7. 1 e 7.2
All'Art. 9 si parla di Impianti elettrici la cui manutenzione, si specifica, va effettuata secondo le indicazioni dei costruttori dei componenti nonché in caso di usura e di modifiche. All'Art. 10 si parla invece delle Verifiche periodiche su gru e altri apparecchi di sollevamento a motore, su idroestrattori, scale aeree ad inclinazione variabile, ponti sviluppabili su carro, ponti sospesi muniti di argano, degli impianti a pressione e apparecchi di sollevamento collegati ad una macchina e destinati esclusivamente all'accesso ai posti di lavoro. Le verifiche devono essere effettuate dal verificatore secondo le indicazioni del costruttore, sulla base della valutazione di rischio e tenuto conto delle ore di funzionamento e delle condizioni d'usura dell'apparecchio o dell'impianto, e, comunque, con la periodicità prestabilita.

Riferimenti normativi
DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 5 giugno 2015, n. 16 della REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE (PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO)
Macchine, impianti ed apparecchi soggetti a verifiche periodiche.
(GU 3a Serie Speciale - Regioni n.35 del 12-9-2015)

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.gazzettaufficiale.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: