BANDI
Sicurezza industriale: il bando congiunto Saf€ra-INAIL
fonte: 
Redazione InSic
area: 
Salute e sicurezza sul lavoro
Sicurezza industriale: il bando congiunto Saf€ra-INAIL Stanziati complessivamente 150.000 euro: entro il 10 luglio le proposte in materia di rischi industriali e nuove tecnologie per la sicurezza


INAIL annuncia l'apertura del secondo bando di ricerca promosso con il consorzio Saf€ra in materia di sicurezza industriale.
Si tratta di un'iniziativa finanziata nell'ambito dei programma "Integrazione e rafforzamento dello Spazio Europeo della Ricerca" del piano ERA-NET ed intende incrementare la portata, efficacia e qualità complessiva della ricerca sulla sicurezza industriale in Europa, in particolare sviluppando un programma congiunto di ricerca che coinvolge le priorità condivise, la realizzazione coordinata e la vantazione congiunta. Vengono quindi promossi degli inviti a presentare proposte di ricerca sulle tematiche prioritarie finanziate dagli enti membri di Saf€ra.

Le proposte dovranno affrontare una o entrambe le seguenti questioni:
1. Gestione dei rischi emergenti
2. Nuove tecnologie per la sicurezza
Sono previste due fasi, con una pre-proposta alla prima fase ed una proposta completa solo per coloro che avranno superato la prima fase. Le pre-proposte, in lingua inglese, devono pervenire entro il 10 luglio 2014 - ore 16.00.
Le informazioni sui temi della ricerca si trovano alla pagina web http://call.safera.eu/ .
II finanziamento da parte di INAIL coprirà un periodo da dodici a ventiquattro mesi. I fondi complessivamente erogabili sono pari a 150.000 euro.

In allegato il Bando in lingua italiana con i dettagli relativi alle proposte da presentare ed alla modalità di presentazione delle pre-proposte.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.inail.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: