NORMATIVA TECNICA
Settore chimico e petrolchimico: i progetti UNI del 2014-2015
fonte: 
Redazione InSic
area: 
Salute e sicurezza sul lavoro
Settore chimico e petrolchimico: i progetti UNI del 2014-2015 La relazione UNI 2014,di sintesi dei principali "Fatti della normazione" riporta i principali progetti approvati, oltre 120 nel 2014, ricadenti sia nel settore sicurezza che ambiente



UNI ha pubblicato in questi giorni la Relazione Annuale 2014, il documento di sintesi dei principali "fatti della normazione" dell'anno passato. Viene anche delineato il Piano Strategico ISO 2016-2020 che indica alcune linee di intervento sulle quali l'attività normativa dovrebbe far sentire la propria voce negli anni venturi.

Diversi sono i settori della sicurezza, riportati nella relazione 2014 UNI: in particolare si parla di Acustica e vibrazioni, Apparecchi di sollevamento, Ergonomia. Fra gli altri argomenti correlati, la Sicurezza in caso di incendio, le Costruzioni e l'Ambiente (che abbiamo già affrontato)

Per quanto riguarda il Settore chimico e petrolifero, i progetti approvati nel 2014 ricadono sia nel settore sicurezza chi ambiente.
UNI ricorda che l'attività di interfacciamento svolta dalle 10 commissioni tecniche UNICHIM ha visto il recepimento di 120 documenti EN nel corso del 2014.

Per quanto riguarda gli aspetti legati alla sicurezza sul lavoro la commissione "Ambienti di lavoro" ha contribuito molto attivamente al progetto di riscrittura della norma EN 689 "Workplace exposure. Measurement of exposure by inhalation to chemical agents. Strategy for testing compliance with occupational exposure limit values", che costituisce tra l'altro un documento di riferimento nel D.Lgs 81/08.

Per quanto riguarda l'ambiente, rilevante l'apporto della commissione "Prodotti petroliferi e lubrificanti" alle attività del CEN/TC 19 e TC 336, con 26 esperti nominati e una convenorship attiva. Da segnalare il completamento del progetto di revisione della norma EN 923 "Adhesives. Terms and definitions" in fase di inchiesta finale.
Di rilievo il progetto di norma UNI - che ha superato la fase di inchiesta finale - riguardante la determinazione dell'acido t,t-muconico mediante HPLC, un indicatore di esposizione occupazionale al benzene. Per valutare il livello di precisione del metodo è stata organizzata una prova interlaboratorio ad hoc su campioni di urina.

A livello nazionale, UNI segnala il progetto di norma "Determinazione del contenuto di colorante verde in gasolio impiegato in usi fiscalmente agevolati e nei relativi pacchetti denaturanti mediante spettrofotometria visibile", che ha superato la fase di inchiesta finale: questa norma, spiega UNI, andrà a colmare una lacuna a livello di metodi di prova, agevolando la gestione dei rapporti tra produttori ed Ente di controllo ufficiale.

Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: