VIGILANZA SUL LAVORO
Ispettorato del Lavoro: lo Statuto in Gazzetta
fonte: 
Redazione Banca Dati Sicuromnia
area: 
Salute e sicurezza sul lavoro
Ispettorato del Lavoro: lo Statuto in Gazzetta In Gazzetta ufficiale (n.143 del 21-6-2016) è stato pubblicato il D.P.R. 26 maggio 2016 n.109 che contiene lo Statuto del nuovo Ispettorato nazionale del Lavoro, previsto dal D.Lgs. n.149/2015 (uno dei decreti delegati del Jobs Act) per il riordino dell'attività ispettiva, in base ai principi e criteri di conformità dello Statuto.
Il Regolamento è entrato in vigore formalmente il 22 giugno 2016 e riporta funzioni e organizzazione dell'Ispettorato, in 13 articoli.

Organi e funzioni
Il nuovo Ispettorato, noto come "Agenzia unica per le ispezioni del lavoro" ha personalità giuridica di diritto pubblico ed è dotata di autonomia organizzativa e contabile (art.1) svolge le attività ispettive già esercitate dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali, dall'INPS e dall'INAIL e le funzioni previste dall'articolo 2, comma 2, del decreto istitutivo (art.2 del DPR 149/2015).
È composto da tre organi che restano in carica per 3 anni e sono rinnovabili per una sola volta:
a) il direttore (regolato all'articolo 4);
b) il Consiglio di amministrazione(regolato all'articolo 5);
c) il collegio dei revisori (regolato all'articolo 6);.

All'articolo 7 si regolano le funzioni dei dirigenti dell'Ispettorato che curano l'attuazione degli indirizzi e dei programmi generali predisposti dal direttore per l'attuazione della convenzione, adottando i relativi atti e provvedimenti amministrativi e di gestione ed esercitando i relativi poteri di spesa; formulano proposte ed esprimono pareri al direttore e dirigono, controllano e coordinano l'attività degli uffici che da essi dipendono e dei responsabili dei procedimenti amministrativi, anche con poteri sostitutivi in caso di inerzia oltre a gestire il personale e le risorse finanziarie e strumentali assegnate ai propri uffici.

Poteri dell'Ispettorato
L'articolo 9 regola la Convenzione con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali che dovrà definire gli obiettivi attribuiti all'Ispettorato nell'ambito delle attività ad essa demandate e con particolare riferimento alla attività di contrasto al lavoro nero e irregolare, in un arco non superiore a tre anni.Nella Convenzione vengono anche definite:
a) le risorse finanziarie disponibili per il raggiungimento degli obiettivi assegnati all'ispettorato;
b) le strategie per il miglioramento dei servizi;
c) le modalità di verifica dei risultati di gestione;
d) le modalità necessarie ad assicurare al Ministro del lavoro e delle politiche sociali la conoscenza dei fattori gestionali interni all'ispettorato, quali l'organizzazione, i processi e l'uso delle risorse.

In base poi all'articolo 10 si fissano i Poteri ministeriali di vigilanza dell'Ispettorato che comprendono, in particolare, l'approvazione del bilancio preventivo e del conto consuntivo, l'approvazione dei programmi di attività, l'emanazione di direttive con l'indicazione degli obiettivi da raggiungere, l'acquisizione di dati e notizie, l'effettuazione di ispezioni per accertare l'osservanza delle prescrizioni impartite e l'indicazione di eventuali specifiche attività da intraprendere.

Riferimenti normativi:
DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 26 maggio 2016, n. 109
Regolamento recante approvazione dello Statuto dell'Ispettorato nazionale del lavoro.
(GU n.
143 del 21-6-2016)
Vigente al: 22-6-2016

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.gazzettaufficiale.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: