FORUM DI SICUREZZA SUL LAVORO 2014
Forum Sicurezza sul Lavoro: RSPP e cantieri tra i temi della seconda Tavola Rotonda
fonte: 
Redazione InSic
area: 
Salute e sicurezza sul lavoro
Forum Sicurezza sul Lavoro: RSPP e cantieri tra i temi della seconda Tavola Rotonda Durante la terza edizione romana del Forum di Sicurezza sul Lavoro 2014 (svoltosi il 10 giugno 2014 e) promosso dall'Istituto Informa in collaborazione con la rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro, col patrocinio del Ministero del Lavoro, di INAIL e in collaborazione con Assosistema, l'Istituto Informa ha coordinato una seconda Tavola Rotonda che ha approfondito sulla figura del RSPP, il prossimo accordo in materia di formazione e le semplificazioni in vista per i cantieri edili.

Vi hanno preso parte Giuseppe Piegari (Presidente Commissione per gli Interpelli, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali) e Giuseppe Semeraro (Coordinatore Consulenza tecnica per l'edilizia dell'INAIL, Dir. Regionale Marche) e Walter Saresella (Presidente XI Sezione Civile, Tribunale Milano), coordinati dalla Dott.ssa Silvia Vescuso (direttore di Informa).
Sono stati affrontati i temi del rinnovo dell'Accordo RSPP e ASPP, l'e-learning nei percorsi formativi; la sicurezza nei cantieri e i modelli semplificati per POS, PSC, PSS e FO; lo scenario sanzionatorio e il parere della Magistratura.

L'ingegner Piegari,nel suo intervento ha approfondito sulla tempistica per la revisione dell'Accordo sulla Formazione degli Addetti dei Servizi Prevenzione e dei Responsabili e del nodo delle figure che oggi sono esonerate dai Moduli A e B e sul sistema di accreditamento. Secondo Piegari la bozza di Accordo passerà prossimamente in Conferenza Stato-Regioni e la bozza definitiva dovrebbe circolare subito dopo l'estate; ci sono però alcuni nodi da sciogliere. Si fa riferimento, in particolare a:
- le figure che oggi sono esonerate dai Moduli A e B, o che credono di essere esonerate e non lo sono;
-i titoli di studio validi ai fini dell'esonero dalla frequenza dai corsi di formazione per quanto riguarda i Moduli A e B (non ci sarebbe una visione comune sul fatto che l'accreditamento da parte di una Regione venga riconosciuto in altre Regioni).
-la semplificazione dei macro-settori: da nove a soli tre, a rischio alto, medio, basso, (una soluzione che ha suscitato non poche perplessità, al punto che già nella bozza di Accordo si potrebbe fare riferimento ad una distinzione fra basso e alto rischio)
-una uniforme individuazione del numero dei discenti nei moduli A,B,C
-una riduzione delle ore di aggiornamento probabilmente, probabilmente venti ore per il rischio basso, e quaranta per il rischio non basso o alto)
-una tabella dei crediti per quelli che sono gli attuali moduli da B1 a B9.
-per l'E-learning: si starebbe invece discutendo sulla possibilità di estenderla a tutti i moduli o solo ad alcuni di essi

Walter Saresella (Presidente XI Sezione Civile, Tribunale Milano) ha fatto luce sul ruolo del Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione, sulla sua qualificazione professionale e sulla necessità di aggiornamento del ruolo alla luce della condanna inflitta dalla Corte di Giustizia UE con Sentenza C440/01. Sebbene sia indubbia la funzione di consulente, il sistema delle deleghe e sub-deleghe possono complicare la comprensione di compiti e responsabilità spingendo questa figura ad un ibrido dove costui, in parte si comporta come consulente di se stesso, e in parte come Dirigente ai fini della sicurezza: essenziale è quindi che il sistema di gestione aziendale sopperisca a tale confusione chiarendo i ruoli e le funzioni.

Giuseppe Semeraro (Coordinatore Consulenza tecnica per l'edilizia dell'INAIL, Dir. Regionale Marche) ha invece affrontato la tematica della semplificazione nei cantieri edili, prevista già nel Decreto del Fare, in particolare con riferimento agli adempimenti documentali (POS, PSC). Secondo Semeraro, se semplificare il POS può avere anche un senso; l'idea di semplificare a prescindere i contenuti dei Piani di Sicurezza o comunque il modo di rappresentare i Piani di Sicurezza e Coordinamento è condivisibile a patto che si faccia una riflessione obiettiva sulla funzione del Piano di Sicurezza e Coordinamento. Pertanto, secondo Semeraro più che di semplificazione si dovrebbe parlare di qualità dei Piani di Sicurezza, perché migliorare la qualità dei piani significa anche migliorare l'efficacia.
Secondo Semeraro, i contenuti minimi dei Piani, dunque, richiederebbero una rivisitazione, per verificare che essi rispondano ancora alla necessità dei cantieri: il Piano deve essere letto, in cantiere, da una platea molto eterogenea di addetti ai lavori, fino a persone poco scolarizzate, quindi la funzione migliore, la qualità migliore, secondo Semeraro, è sicuramente il saper comunicare, la sua facile consultazione, la capacità di sintesi; inoltre, i Piani di Sicurezza dovrebbero garantire una giusta integrazione tra testo scritto e rappresentazione grafica.

Nel corso della sessione sono poi state affrontate singole questioni relative alla deroga all'applicazione della Direttiva Cantieri ai lavori fino a dieci uomini giorno per le infrastrutture di servizi che non presentino rischi particolari; le responsabilità penali delle figure coinvolte a vario titolo nelle procedure di appalto; la verifica delle condizioni di sicurezza in cantiere in caso di subappalto; gli elementi distintivi di una impresa qualificata ai fini dell'appalto e numerosi altri quesiti in materia edilizia.

Le riflessioni sopra riportate e gli atti completi della Conferenza saranno disponibili sui prossimi numeri della rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro.

Per approfondire
IL FORUM DI SICUREZZA SUL LAVORO è l'evento promosso dall'Istituto Informa in collaborazione con la Rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro, col patrocinio del Ministero del Lavoro, di INAIL e in collaborazione con Assosistema.

LA RIVISTA AMBIENTE&SICUREZZA SUL LAVORO
Scopri la rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro e abbonati per l'anno 2014!
Dal 1985 al servizio della prevenzione infortuni, dell'igiene e sicurezza sul lavoro e della tutela ambientale

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.forumsicurezzalavoro.it 
oppure scrivi a amsl@epcperiodici.it  
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: