Mese del software Progetto Sicurezza Lavoro
DAL GOVERNO
Apparecchiature elettriche, restrizioni all'uso di sostanze pericolose
fonte: 
Redazione Banca Dati Sicuromnia - http://sicuromnia.epc.it
area: 
Salute e sicurezza sul lavoro
Apparecchiature elettriche, restrizioni all'uso di sostanze pericolose Durante il Consiglio dei Ministri dello scorso 31 maggio 2016, il Governo ha approvato in esame definitivo un decreto legislativo recante modifiche al decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 27, di attuazione della direttiva 2011/65/UE sulla restrizione dell'uso di determinate sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche, cosiddetta "RoHs".

Il Governo sottolinea che la direttiva europea 2011/65/UE da attuare mira a:
-rendere più chiaro l'assetto normativo e semplificarne il funzionamento;
-migliorare l'attività di controllo sull'applicazione delle disposizioni in vigore;
-garantire l'adeguamento al progresso scientifico, sul presupposto che la scarsa chiarezza di disposizioni e definizioni, oltre a causare diversità di approccio da parte degli Stati membri in materia di conformità dei prodotti, è fonte di possibili duplicazioni delle procedure dovute a differenti normative degli Stati dell'Unione, nonché di costi amministrativi superflui.

Il Decreto emanato estende al Ministero della salute, che, ai sensi del regolamento "REACH", già svolge un'attività di controllo sui prodotti chimici e le sostanze pericolose immessi sul mercato, anche la vigilanza sulle apparecchiature elettriche ed elettroniche contenenti sostanze pericolose, rientranti nel campo di applicazione della direttiva "RoHs".
Vengono così ottimizzate la pianificazione dei controlli e la loro gestione, senza il ricorso a ulteriori strutture organizzative.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.governo.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: