APPROFONDIMENTO
Sulla Rivista Antincendio n. 7 si parla di...
fonte: 
Redazione Antincendio
area: 
Prevenzione incendi
Sulla Rivista Antincendio n. 7 si parla di... Il numero 7 della Rivista Antincendio dedica diversi approfondimenti alla progettazione antincendio, con particolare riferimento alla Fire Safety Engineering. Fra i temi oggetti di discussione, i metodi di calcolo applicati alla progettazione, i modelli di esodo secondo il metodo prestazionale,e le particolarità delle strutture in acciaio ed il loro comportamento tecno-meccanico. E ancora, un'interessante case history sulle soluzioni antincendio di Villa Contarini, un approfondimento sulla progettazione delle reti di servizio per le attività RiR, e sulla vulnerabilità dei grattacieli.

I contenuti del numero di Luglio

In apertura, l'editoriale di Flaminia Ciccotti, responsabile della Rivista invita i professionisti dell'antincendio ad una riflessione sulle prossime evoluzioni della Regola Tecnica di prevenzione Incendi (D.P.R. 152/2011) che attende l'emanazione di specifiche regole tecniche per alcune attività, quali asili nido, interporti, macchine e aerostazioni: tali novità saranno oggetto di approfondimento al prossimo Forum di Prevenzione Incendi, in arrivo il 25 e 26 Settembre a Milano.

L'articolo di G. Longobardo (Ing. Chimico, Corpo Nazionale VVF) "Limiti ed affidabilità dei codici di calcolo nella FSE" analizza questi modelli applicati alla progettazione antincendio, che rappresentano ormai una realtà piuttosto diffusa in diversi Paesi del mondo industrializzato. In particolare questi modelli aprono un dibattito, anche a livello internazionale, sui loro limiti applicativi e sulla loro affidabilità, in contrapposizione alle norme prescrittive di prevenzioni incendi.

Nell'articolo "I modelli di esodo con il metodo prestazionale" di S. Marsella e M . Marzoli (Corpo VVF) verificano le potenzialità degli strumenti di simulazione, che vanno dai criteri molto semplificati del D.M. 10/3/1998, che servono a dimensionare la larghezza delle uscite, ad applicativi molto sofisticati che simulano la risposta fisica e comportamentale delle singole persone in ambienti complessi ed affollati. In particolare l'articolo evidenzia anche le implicazioni che l'uso di cellulari e smartphone ha nelle situazioni di emergenza.

Restiamo sempre nell'alveo della progettazione antincendio, con l'articolo di Luciano Nigro (et alt.) che analizza "La progettazione antincendio delle strutture in acciaio con il processo prestazionale", che approfondisce sull'Approccio Ingegneristico per la sicurezza strutturale in caso di incendio mediante "modelli di calcolo avanzati" (advanced calculation models) sia per la modellazione dell'incendio e dei flussi termici (curve di incendio naturali, analisi termo-fluidodinamiche, etc.), che per l'analisi termo-strutturale (analisi non lineari, effetti iperstatici delle dilatazioni termiche contrastate, etc.). In particolare si approfondiscono due procedure di individuazione degli scenari di incendio, il Fire Risk Assessment, e l'Annesso E di EN1991-1-2,per le quali viene proposto un sintetico confronto.

Con C. Bolognese e C. Turturici (VVF Alessandria) verifichiamo i caratteri che deve avere un Sistema di gestione della Sicurezza nella "Progettazione delle reti di servizio nelle attività a rischio di incidente rilevante", rispetto a quanto già richiesto dagli articoli 22 e 70 del D.Lgs. 81/08 e dall'articolo 5 del D.M. 37/08 per le installazioni "ordinarie".

La rivista Antincendio torna poi a parlare di edifici di grandi altezza e vulnerabilità al fuoco nell'articolo di V. Vanzini (VVF Bologna) "Esame della vulnerabilità dei grattacieli nei confronti degli eventi incidentali" che analizza alcuni incidenti che hanno interessato queste strutture mettendone in luce le criticità e le scelte progettuali da adottare in vista delle recenti realizzazioni attualmente in corso nel nostro Paese.
Infine, un articolo di G. Vigne (Ing. Resp. Areatecnica srl) e G. Carucciu (Direzione Demanio Veneto) ricostruiscono le soluzioni di prevenzione incendi adottate a Villa Contarini di Piazzola del Brenta (Veneto), con riferimento agli scenari di incendio possibili ed alle simulazioni d'esodo realizzate.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.epc.it 
oppure scrivi a antincendio@epcperiodici.it  
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: