AUTORIZZAZIONI ANTINCENDIO
Pubblici spettacoli: Manifestazioni temporanee e controlli antincendio
fonte: 
Redazione InSic
area: 
Prevenzione incendi
Pubblici spettacoli: Manifestazioni temporanee e controlli antincendio Un quesito pervenuto dal Comando di Trapani alla Direzione centrale ruota intorno al concetto di "Manifestazione temporanea" per attività di pubblico spettacolo e sulla applicazione del D.P.R. n.151/2011




Con Nota protocollo n.5198 del 19 maggio, il Dipartimento VV.F. risponde ad un quesito sulla definizione di "Manifestazione temporanea" ai fini dell'applicazione o meno del D.P.R. n.151/2011 p.to 69 "Locali adibiti ad esposizione e/o vendita all'ingrosso o al dettaglio, fiere e quartieri fieristici, con superficie lorda superiore a 400 m2 comprensiva dei servizi e depositi" da cui risulta che "Sono escluse le manifestazioni temporanee, di qualsiasi genere, che si effettuano in locali o luoghi aperti al pubblico".

Il Quesito
Il Quesito è pervenuto dal Comando di Trapani, che ricostruisce brevemente la normativa applicabile alle attività di pubblico spettacolo, ricordando che nell'allegato I al D.P.R. 151/11, che aggiorna l'elenco delle attività sottoposte ai controlli di prevenzione incendi, ai punti 65 e 69 è stato introdotto il concetto di "manifestazioni temporanee" e la contestuale esclusione delle stesse dal campo di applicazione del D.P.R. 151/11.
Tuttavia, "la bibliografia tecnica" in materia di prevenzione incendi non consente di definire in modo oggettivo ed univoco il concetto di temporaneità di una manifestazione, ad esempio individuandone durata limite e/o frequenza. Il comando chiede quindi delucidazioni su quali diano i requisiti di tipo temporale e/o tecnico per definire una manifestazione come "temporanea", al fine di assicurare una corretta ed omogenea applicazione del D.P.R. 151/11° queste attività.

Secondo la Direzione regionale Sicilia
Secondo la Direzione Regionale per la Sicilia, già con Nota n.P 1340/4109 sott.53 del 26/01/2007 è stato espresso un parere sui locali di pubblico spettacolo esercitati a carattere stagionale in locali o luoghi aperti al pubblico, in base alla quale la Direzione ritiene di poter assimilare una manifestazione temporanea ad uno spettacolo e/o trattenimento che si svolge in un luogo pubblico o aperto al pubblico in un preciso arco temporale (con una data di inizio e di fine), cioè ad un evento caratterizzato principalmente dalla sua brevità e transitorietà. E potrebbe in tal senso essere preso a riferimento il tempo entro il quale il Comando può effettuare i controlli finalizzati ad accertare il rispetto delle prescrizioni previste dalla normativa di prevenzione incendi, indicato all'art.4 co.2 e 3 del DPR 151/2011 pari a 60 gg.
Solo per i parchi tematici, rilevava la Direzione siciliana, l'ex art. 25 del D.M. 23/05/2003 del Ministro per i Beni e le Attività Culturali fa un distinguo tra Parco Temporaneo e Parco Permanente, stabilendo il limite di permanenza in 120 gg/anno sulla stessa area tra le due definizioni.

Secondo la Direzione Centrale
Investita della questione, la Direzione Centrale rileva che è evidente l'impossibilità di procedere ad una quantificazione del concetto di "temporaneità" e in generale, comunque, per "Attività temporanee", come già in passato si possono intendere quelle caratterizzate da una durata breve e ben definita, non stagionali o permanenti, né che ricorrano con cadenza prestabilita. Per queste particolari attività, "risulterebbe illogico e contrario ai primari obiettivi di buona amministrazione, l''inserimento delle stesse nell'ambito di procedimenti tecnico amministrativi che, nel concreto potrebbero svilupparsi con tempistiche incompatibili rispetto a quelle previste per le attività stesse".

Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: