ACCREDITAMENTO
Notifica prodotti da costruzione: una circolare sul rilascio delle autorizzazioni
fonte: 
Redazione Insic
area: 
Prevenzione incendi
Notifica prodotti da costruzione: una circolare sul rilascio delle autorizzazioni I Vigili del fuoco informano dell'emanazione della Circolare interministeriale prot.DCPREV n.14413 del 23 ottobre 2013 (in allegato alla notizia) che definisce, in attesa dell'attuazione del Regolamento (UE) n. 305/2011, le modalità di presentazione delle istanze di prima autorizzazione, estensione o ulteriore autorizzazione ai fini della notifica, non basata sul certificato di accreditamento.

Con la Circolare si compie il lavoro di rinotifica, ai sensi del Regolamento (UE) 305/2011, degli Organismi italiani di valutazione e verifica della costanza della prestazione dei prodotti da costruzione, già abilitati e notificati ai sensi del DPR 246/93 e della Direttiva 89/106/CEE, limitatamente alle specifiche tecniche già autorizzate.
A fronte delle numerose richieste pervenute per l'estensione di tali notifiche, il Dipartimento ritiene necessario applicare le procedure di autorizzazione e notifica non basata sul certificato di accreditamento anche agli organismi che facciano richiesta di prima autorizzazione, estensione o ulteriore autorizzazione.

Per la valutazione dei requisiti degli organismi si utilizzano i criteri e le procedure riportati nel Regolamento, in particolare agli articoli 43, 45, 46, 51, 52, 53, 55, nonché per quanto non in contrasto, nel DM n. 156/03 e nella Circolare interministeriale n. 3 del 9/6/2011.
Pertanto, gli organismi che intendano richiedere una prima autorizzazione, estensione o ulteriore autorizzazione ai fini della notifica ai sensi del Regolamento(UE) 305/2011, devono presentare alla DGMCCVNT del Ministero dello Sviluppo Economico, apposita istanza in bollo, redatta secondo il modello contenuto all'allegato A, sottoscritta dal titolare o dal legale rappresentante e corredata dalla documentazione indicata nell'Allegato B, fornita in formato elettronico non modificabile (*.PDF/A).
Il Dipartimento ricorda anche che, qualora l'istanza riguardi prodotti per i quali risultino rilevanti i requisiti base per le opere n. 1 ovvero 2, la medesima istanza ed i relativi allegati sono presentati rispettivamente al STC del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti ovvero alla DCPST del Ministero dell'Interno.

L'istruttoria delle Amministrazioni competenti si conclude con un decreto di autorizzazione, con validità pari a 4 anni, propedeutico alla successiva notifica; le estensioni e le ulteriori autorizzazioni mantengono la scadenza del decreto cui si riferiscono. Ai sensi dell'art. 48, comma 5, del Regolamento (UE) n.305/2011 le attività di organismo notificato potranno essere eseguite solo se la Commissione Europea o gli altri Stati Membri non sollevino obiezioni entro due mesi dalla notifica.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.vigilfuoco.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: