PREVENZIONE INCENDI
Designazione addetti antincendio, chiarimenti dal ministero Lavoro
fonte: 
Rivista Antincendio
area: 
Prevenzione incendi
Designazione addetti antincendio, chiarimenti dal ministero Lavoro Il ministero del Lavoro ha reso nota la pubblicazione delle risposte agli interpelli presentati in materia di salute e sicurezza in un'area dedicata sul sito istituzionale.Fra i quesiti proposti alla Direzione centrale per l'attività ispettiva c'è anche un interpello, il numero 4, che riguarda l'obbligo di designazione dei lavoratori addetti al servizio antincendio nella aziende fino a dieci lavoratori.
Il quesito è stato proposto dal Consiglio nazionale degli Ingegneri che voleva conoscere l'obbligatorietà o meno di tale designazione per queste realtà lavorative, tenuto presente che l'articolo 5 del DM 10 marzo 1998, al secondo comma, afferma che "[...]per i luoghi di lavoro ove sono occupati meno di dieci dipendenti, il datore di lavoro non è tenuto alla redazione del piano di emergenza, ferma restando l'adozione delle necessarie misure organizzative e gestionali da attuare in caso di incendio" e che l'articolo 18 del testo Unico di Sicurezza obbliga il datore di lavoro a "designare preventivamente i lavoratori incaricati dell'attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione dell'emergenza" ma tale designazione deve tener conto della "natura dell'attività, delle dimensioni dell'azienda o dell'unità produttiva, e del numero delle persone presenti, come indicato nella lettera t del medesimo articolo".
Secondo il ministero l'articolo 5, comma 2, del DM 10/03/1998, contempla l'esonero, per il datore di lavoro, solo dalla redazione del piano di emergenza ma non dalla individuazione delle misure organizzative e gestionali da attuare in caso di incendio, anche per le aziende classificate a rischio di incendio basso.
Pertanto la previsione di cui all'articolo 18, comma 1 lett. b), del D.Lgs. n. 81/2008 trova applicazione ed è confermata dall'art. 34, comma 1-bis, che prevede la possibilità per i datori di lavoro delle aziende che occupano fino a cinque lavoratori, di "svolgere direttamente i compiti di primo soccorso, nonché di prevenzione degli incendi e di evacuazione".
La designazione dei lavoratori incaricati di attuare le misure di prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze deve avvenire sulla base degli esiti della valutazione dei rischi e del piano di emergenza, qualora tale ultimo documento sia previsto (art. 6 DM 10/03/1998).

Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: