APPROFONDIMENTO
Centri commerciali sicuri: indicazioni per la progettazione antincendio
fonte: 
Rivista Antincendio
area: 
Prevenzione incendi
Centri commerciali sicuri: indicazioni per la progettazione antincendio L'articolo "Centri Commerciali, siamo sicuri?" di F. e G. Zaccarelli, (rivista Antincendio n.9/2013) riporta un'approfondita case history che segue le diverse fasi di progettazione dalla planimetria, di un centro commerciale di grandi dimensioni, individuando le caratteristiche tecniche relative a reazione al fuoco, sistema di esodo, spazi per depositi, impianti elettrici e di estinzione incendi. Presente, nella ricostruzione, anche un'autorimessa al servizio del Centro.

L'articolo di Fiorenzo e Guido Zaccarelli (Studio Zaccarelli S.r.l) in allegato alla notizia, espone gli aspetti più importanti della prevenzione incendi in attività commerciali estremamente rilevanti.
Viene per questo presentato un'interessante case study su una grande struttura adibita a centro commerciale e la si analizza nei suoi elementi progettuali principali, fornendo una descrizione generale della struttura e indicando le caratteristiche tecniche relative a reazione al fuoco, sistema di esodo, spazi per depositi, impianti elettrici e di estinzione incendi.
Inoltre, l'articolo riporta anche la progettazione di un'autorimessa al servizio del centro commerciale, su due piani e fuori terra, protetta con impianto di spegnimento a sprinkler.
Nel case study sono inoltre prospettati due gruppi elettrogeni, conformi al DM 22/10/2007 ed impianti idrici antincendio comuni.

Nelle considerazioni finali, i due autori ricordano che gli aspetti relativi alla prevenzione incendi sono per le attività commerciali estremamente rilevanti, sia per i vincoli posti dalla normativa alla progettazione, sempre più orientata a soluzioni innovative, sia per i corposi oneri economici che occorre affrontare per l'adeguamento alla normativa vigente.
È ovvio che tutte le attività debbano conformarsi alla normativa di prevenzione incendi per garantire la sicurezza, tuttavia un'attività commerciale è un'attività con un indiscutibile scopo di tipo economico e quindi limitare troppo pesantemente l'economicità del fine non può che avere come conseguenza quella di determinare la cessazione dell'attività, con conseguenze nefaste in termini finanziari ed occupazionali, come si vedrà dai dati che emergeranno dall'articolo che alleghiamo a fine notizia.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.epc.it 
oppure scrivi a antincendio@epcperiodici.it  
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: