NORMATIVA
Articoli pirotecnici, le novità del convertito DL 93/2013
fonte: 
Redazione Insic
area: 
Prevenzione incendi
Articoli pirotecnici, le novità del convertito DL 93/2013 In Gazzetta n.242 del 15-10-2013 è stata pubblicata la Legge di conversione n.119 del 15 ottobre 2013, del Decreto Legge 93/2013 che reca "Disposizioni urgenti in materia di sicurezza e per il contrasto della violenza di genere, nonché in tema di protezione civile e di commissariamento delle province".

Il provvedimento contiene disposizioni anche in materia antincendio.
All'articolo 9 bis del convertito DL 93/2013, introdotto in sede di conversione, si riporta l'adeguamento requisiti essenziali di sicurezza degli articoli pirotecnici in attuazione dell'articolo 47, paragrafo 2, della direttiva 2013/29/ UE.
In particolare, viene sostituito il punto 4) della prima sezione dell'allegato I del D.lgs. 4 aprile 2010, n. 58 che reca "Attuazione della direttiva 2007/23/CE relativa all'immissione sul mercato di prodotti pirotecnici"., prevedendo che: "Gli articoli pirotecnici non devono contenere esplosivi detonanti diversi da polvere nera o miscele ad effetto lampo, ad eccezione degli articoli pirotecnici di categoria P1, P2 o T2, nonché dei fuochi d'artificio di categoria 4 che soddisfino le seguenti condizioni:
a) l'esplosivo detonante non può essere facilmente estratto dall'articolo pirotecnico;
b) per la categoria P1, l'articolo pirotecnico non può avere una funzione di detonante o non può, com'è progettato e fabbricato, innescare esplosivi secondari;
c) per le categorie 4, T2 e P2, l'articolo pirotecnico è progettato in modo da non funzionare come detonante o, se è progettato per la detonazione, non può, com'è progettato e fabbricato, innescare esplosivi secondari»
.

Inoltre, l'articolo 9 bis al comma 2 riporta che "Le disposizioni di cui all'articolo 18, comma 7 del D.lgs.58/2010, invece, si applicano anche alle autorizzazioni concesse relative alle istanze presentate entro i termini di cui al comma 6 del medesimo articolo.
Si fa riferimento alla disposizione del D.Lgs 58/2013 art. 18 c.7 che prevede che "Le autorizzazioni concesse antecedentemente al 4 luglio 2010 per gli articoli pirotecnici rientranti nel campo di applicazione del presente decreto, riconosciuti e classificati ai sensi dell'articolo 53 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, ivi compresi i prodotti riconosciuti ma non classificati ai sensi del decreto del Ministro dell'interno in data 4 aprile 1973, continuano ad essere valide sul territorio dello Stato fino alla loro data di scadenza, se prevista, o fino al 3 luglio 2017, a seconda di quale dei due termini è il più breve, anche ai fini dello smaltimento".
In base al DL 93/2013, tale disposizione, dunque, si applicherebbe anche alle autorizzazioni concesse relative alle istanze presentate entro i termini di cui al comma 6 che espressamente fa riferimento ad un termine iniziale del 4 luglio 2010 per i fuochi d'artificio delle categorie 1, 2 e 3 e dal 4 luglio 2013 per gli altri articoli pirotecnici, per i fuochi d'artificio della categoria 4 e per gli articoli pirotecnici teatrali.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.gazzettaufficiale.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: