Mese del software Progetto Sicurezza Lavoro
DISSESTO
Rischio idrogeologico: via libera ai fondi per la demolizione di opere abusive
fonte: 
Redazione Banca Dati Sicuromnia
area: 
Edilizia
Rischio idrogeologico: via libera ai fondi per la demolizione di opere abusive Il Ministero dell'Ambiente riporta dell'intesa raggiunta durante la Conferenza Stato-Città-Autonomie sui criteri di finanziamento degli interventi di rimozione o demolizione di opere ed immobili in aree a rischio idrogeologico.

Le risorse a disposizioneApprovato all'unanimità lo schema di decreto che determina, attraverso modelli e linee guida, le modalità di accesso dei comuni al finanziamento, previsto da una norma del Collegato Ambientale che prevedeva risorse finanziarie (10 milioni di euro per l'anno 2014), la rimozione o la demolizione, da parte dei comuni, di opere ed immobili realizzati nelle aree del Paese classificate a rischio idrogeologico elevato o molto elevato ovvero esposti a rischio idrogeologico, in assenza o in totale difformità del permesso di costruire.
A riguardo il Ministro Galletti riferisce in una nota, la volontà di raddoppiare il Fondo in caso di esaurimento.
.
Lo schema di provvedimento approvato.
Lo schema di provvedimento fissa i criteri per l'individuazione delle priorità degli interventi di demolizione e rimozione, che riguardano nello specifico opere ed immobili realizzate in aree soggette a rischio idrogeologico elevato o molto elevato, o dei quali sia stata comprovata l'esposizione al rischio, in assenza o totale difformità dal permesso di costruire.
Il finanziamento riguarda i costi degli interventi, comprensivi delle spese tecniche ed amministrative, per i quali sia presente un provvedimento definitivo di rimozione o di demolizione non eseguito nei tempi stabiliti: proprio per l'incidenza economica che possono avere alcune tipologie di spese, sono ricomprese in quelle tecniche anche le voci riguardanti il conferimento in discarica dei rifiuti misti, non inquinanti, la raccolta, l'imballo, il trasporto e lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi, ma anche il ripristino naturalistico dell'area interessata.
.
Gli elenchi verranno formati su base regionale, per consentire una distribuzione il più possibile omogenea delle risorse sul territorio nazionale, e determinati attraverso l'attribuzione delle priorità con i relativi punteggi: il peso maggiore va al criterio del livello di rischio dell'area interessata, mentre altri criteri sono la riduzione del numero di persone a rischio diretto, il costo dell'intervento, la presenza delle struttura in area demaniale, entro zone di divieto assoluto o di rispetto fluviale, il completamento di un intervento già in parte finanziato.
Ogni domanda dovrà essere corredata da progetto, elenco dei costi e delle opere sul territorio per cui sono stati definiti provvedimenti di rimozione o demolizione non eseguiti nei termini stabiliti.
Il riparto delle somme disponibili, che verranno attribuite con successivo decreto ministeriale, si effettuerà in base a popolazione residente, superficie, indicatori del rischio idrogeologico.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.minambiente.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: