APPALTI
Illegalità appalti: protocollo d'intesa fra Gdf e Cassa depositi e prestiti
fonte: 
AGI
area: 
Edilizia
Illegalità appalti: protocollo d'intesa fra Gdf e Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti metterà a disposizione delle Fiamme gialle dati, informazioni e notizie sulle imprese esecutrici degli affidamenti


"Prevenire il rischio di infiltrazioni della criminalità", "contrastare il fenomeno del lavoro nero e delle irregolarità contributive" e "monitorare e vigilare sulla corretta destinazione ed utilizzazione di materie prime e semilavorati". Sono gli obiettivi del "Protocollo di intesa" siglato l'11 giugno dall'amministratore delegato della Cassa depositi e prestiti, Giovanni Gorno Tempini, e dal comandante generale della Guardia di finanza, Saverio Capolupo, presso la sede del Comando generale del Corpo. L'accordo opera nell'ambito degli affidamenti relativi a lavori, servizi e forniture che riguardano il patrimonio immobiliare del Gruppo Cassa depositi e prestiti.

Nell'ambito della collaborazione definita con il protocollo, Cassa depositi e prestiti metterà a disposizione delle Fiamme gialle, attraverso un sistema informativo dedicato ed in ogni fase dell'affidamento - dalla partecipazione alla gara, fino all'assegnazione di lavori ad eventuali subappaltatori - dati, informazioni e notizie sulle imprese esecutrici degli affidamenti; segnalerà inoltre al Nucleo speciale tutela mercati del Corpo tutte le informazioni e le notizie rilevanti per la prevenzione e la repressione di irregolarità, frodi e di ogni altro illecito di natura economico-finanziaria.

L'ad Gorno Tempini e il comandante Capolupo hanno sottolineato la loro "soddisfazione per la stipula dell'accordo, che rappresenta uno strumento di sostanziale potenziamento delle linee di presidio della legalità".

Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: