DESTINAZIONE ITALIA
Conversione DL Destinazione Italia: i riferimenti ad energia ed Expo
fonte: 
Redazione InSic
area: 
Edilizia
Conversione DL Destinazione Italia: i riferimenti ad energia ed Expo Il Senato ha approvato in via definitiva il disegno di legge di conversione del D.L. 145/2013, c.d. "Destinazione Italia" , che reca misure incidenti su numerosi settori per il rilancio della competitività delle imprese.
Lo riporta il sito della Camera che specifica in materia di edilizia ed energia le disposizioni del Dl. 145/2013 ancora presenti in sede di conversione. Le riportiamo in sintesi in attesa di leggere il decreto del decreto convertito

Settore energetico

Il decreto convertito conferma la riduzione dei costi gravanti sulle bollette elettriche, gli indirizzi strategici dell'energia geotermica, la certificazione energetica degli edifici e lo sviluppo di tecnologie di maggior tutela ambientale nonché la previsione della facoltà per la Regione Sardegna di bandire una gara per realizzare una centrale termoelettrica a carbone (articolo 1); solo marginalmente riconducibile alla materia energetica sono le disposizioni riguardanti la riforma del condominio degli edifici. Durante l'esame parlamentare, sono state inserite alcune disposizioni riguardanti lo stoccaggio del gas naturale.

EXPO 2015

Per quanto riguarda gli interventi per EXPO 2015 e opere pubbliche, il Decreto Legge Destinazione Italia convertito contiene misure volte ad ottimizzare l'utilizzo delle risorse disponibili e ulteriori interventi in materia di opere pubbliche: la Camera segnala che il comma 10 all'articolo 13 del DL 145/2013 modifica il codice dei contratti pubblici in materia di gestione dei contratti di appalto; il comma 11 disciplina lo svincolo delle garanzie fideiussorie inerenti al contratto di appalto.
Disposizioni generiche riguardano poi la gestione dei porti (articolo 13, comma 4), o opere specifiche (l'articolo 13, comma 9, sulla metropolitana di Napoli). Nel corso dell'esame in sede referente, è stata introdotta una norma che autorizza la spesa complessiva di 7 milioni di euro per il ristoro, parziale, dei danni causati dai delitti non colposi commessi al fine di ostacolare la realizzazione delle infrastrutture strategiche (comma 7-bis).

Riferimenti normativi:
LEGGE 21 febbraio 2014, n. 9
Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 23 dicembre 2013, n. 145, recante interventi urgenti di avvio del piano «Destinazione Italia», per il contenimento delle tariffe elettriche e del gas, per la riduzione dei premi RC-auto, per l'internazionalizzazione, lo sviluppo e la digitalizzazione delle imprese, nonche' misure per la realizzazione di opere pubbliche ed EXPO 2015. note: Entrata in vigore del provvedimento: 22/02/2014
(GU Serie Generale n.43 del 21-2-2014)


DECRETO-LEGGE 23 dicembre 2013, n. 145
Interventi urgenti di avvio del piano "Destinazione Italia", per il contenimento delle tariffe elettriche e del gas, per la riduzione dei premi RC-auto, per l'internazionalizzazione, lo sviluppo e la digitalizzazione delle imprese, nonché misure per la realizzazione di opere pubbliche ed EXPO 2015. GU n.300 del 23-12-2013 )

note: entrata in vigore del provvedimento: 24/12/2013

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.camera.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: