Mese del software Progetto Sicurezza Lavoro
NORME TECNICHE
Calci da costruzione: in italiano le UNI EN 459-1 e UNI EN 459-3
fonte: 
UNI
area: 
Edilizia
Calci da costruzione: in italiano le UNI EN 459-1 e UNI EN 459-3 UNI annuncia la pubblicazione in italiano delle norme europee UNI EN 459-1 e UNI EN 459-3, pubblicate dalla commissione tecnica Cemento, malte, calcestruzzi e cemento armato, si occupano delle calci da costruzione.





La norma UNI EN 459-1 si applica alle calci da costruzione utilizzate come leganti per la preparazione di malte (da muratura e per intonaci interni ed esterni), per la produzione di altri prodotti da costruzione e per applicazioni in ingegneria civile. Essa fornisce una definizione generale dei diversi tipi di calci da costruzione e della loro classificazione. Fornisce, inoltre, i requisiti relativi alle loro proprietà chimiche e fisiche che dipendono dal tipo di calce da costruzione e specifica i criteri di conformità. I termini relativi alla fornitura o altre clausole contrattuali generalmente incluse nella documentazione scambiata tra fornitore e acquirente della calce, non rientrano nell'ambito della norma.

La norma UNI EN 459-3, invece, specifica lo schema per la valutazione della conformità delle calci da costruzione rispetto alla corrispondente norma di prodotto UNI EN 459-1. Fornisce inoltre le regole per la sorveglianza, la valutazione e l'accettazione del controllo di produzione in fabbrica, le regole per la frequenza delle ispezioni e le azioni da intraprendere in caso di non conformità.

Riferimenti normativi:
UNI EN 459-1:2015 "Calci da costruzione - Parte 1: Definizioni, specifiche e criteri di conformità"
UNI EN 459-3:2015 "Calci da costruzione - Parte 3: Valutazione della conformità"

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.uni.com 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: